• difesa abitativa
  • legittima difesa
  • per la libera difesa

La ratio del referendum

ratio legislativa

Per comprendere la ratio che sorregge l’iniziativa referendaria, è necessario soffermarsi su un concetto più ampio, alla base del sistema delle norme incriminatrici e che, spesso, rischia di perdersi nell'impetuosa produzione legislativa. Da generazioni sappiamo che il diritto penale protegge i beni fondamentali del singolo individuo e della comunità organizzata, tutelandoli contro le violenze e contro tutti coloro i quali, per vari scopi, calpestano i diritti degli altri e si pongono al di fuori delle regole del vivere civile. Sappiamo anche che questo delicato pilastro della convivenza civile è sorretto da alcune essenziali regole, decise proprio per stabilire un confine rigoroso e chiaro tra ciò che è consentito e ciò che è invece vietato.

La legittima difesa deve essere tale, ovvero, secondo il diritto penale, deve essere proporzionata all'aggressione. Nella vita reale può però succedere che, nell'impeto di reagire a una grave aggressione, con l’inesperienza e la paura si possa provocare al malvivente un danno più grave di quello "necessario". Nel codice penale risponde a questo proposito proprio l’articolo 55, il quale prevede una responsabilità penale per chi abbia reagito provocando un'offesa superiore a quella che sarebbe stata necessaria a fermare l’aggressore. In parole povere, l’errore si genera nel fatto di aver sopravvalutato il pericolo che proveniva dall'aggressione effettiva e di non aver saputo utilizzare nel modo e nella misura giusta gli strumenti, armi comprese, adoperate per difendere sé stessi. La norma dell’articolo 55 del codice penale crea in questo modo un ulteriore danno a colui che ha già subìto un danno dal malvivente e dal quale è riuscito a difendersi. Si devono quindi passare anni di processo, spesso con l’accusa di avere provocato la morte di un uomo e con la prospettiva di essere rinchiuso in carcere e di dover risarcire i familiari del malvivente.

ASSOCIAZIONE PER LA LIBERA DIFESA | 24, Via San Marino - 00198 Roma (RM) - Italia | P.I. 97793400587 | Tel. +39 06 94516719 | Fax. +39 06 94516732 | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite